Secondo la visione dell'ayurveda e dello yoga il corpo vive grazie all'energia vitale vivificatrice che lo sostiene e lo attraversa, questa energia è detta prana.

Il prana è la forza vitale che si manifesta nell'universo in molte forme e in molti modi e che ne permette l'esistenza, il corpo la assorbe attraverso il respiro, la pelle, il cibo e i centri  del corpo sottile. Il prana si muove nel corpo lungo dei canali energetici che si diramano in ogni sua parte e che corrispondono circa ai meridiani della medicina tradizionale cinese.

(sistema dei chakra secondo la tradizione tantrica)

Lungo la colonna vertebrale, in corrispondenza dei plessi nervosi fisici e in collegamento con le ghiandole endocrine, si trovano le tre nadi principali che si intersecano formando dei centri detti chakra.

Questi appaiono ai chiaroveggenti come vortici di energia e vengono rappresentati con una forma sferica circondata da un numero diverso di "petali", in realtà questi petali sono piccole strutture a forma di vortice che circondano il vortice centrale più grande. Essendo per come appaiono simili a fiori sono chiamati anche "loti", ma la loro forma è data dal movimento dell'energia che circola in senso orario o anti-orario.

Le tre nadi principali sono: Ida,Pingala e Sushumna.

Sushumna è il canale che parte dal perineo e scorrendo lungo il centro della colonna vertebrale giunge fino alla sommità del capo.

Ida è la nadi che parte dal perineo e giunge fino alla narice sinistra, la qualità dell'energia che scorre in questo canale è femminile, fredda e intuitiva, di tipo lunare, l'energia yin del nostro corpo sottile ed è collegata con il sistema nervoso parasimpatico e con l'emisfero destro del cervello.

Pingala è la nadi che parte dal perineo e giunge fino alla narice destra, la qualità dell'energia che vi scorre è maschile, calda e di tipo solare, l'energia yang del nostro corpo sottile, è collegata con  il sistema nervoso simpatico e con l'emisfero sinistro del cervello.

Il prana, scorrendo in Ida e Pingala, si muove a spirale lungo il canale centrale Sushumna e laddove le nadi si incrociano si formano i chakra maggiori. Nella tradizione tantrica questi centri sono sette ma il loro numero è diverso in altre scuole esoteriche (per es. tradizione della cabala) ma la localizzazione e la descrizione dei centri è molto simile.

I chakra svolgono diverse funzioni psico-fisiche e influenzano le condizioni psicologiche della persona, i chakra maggiori assimilano il prana e ne controllano la distribuzione agli organi interni e agli altri chakra. I chakra sono in interazione continua fra di loro e con l'esterno, c'è uno scambio continuo. 

Uno degli obiettivi delle tecniche dello yoga è permettere il libero fluire del prana nelle nadi in modo che ci sia equilibrio ed armonia in tutti i centri del corpo e negli aspetti energetici maschili e femminili. Inoltre nella tradizione tantrica si cerca di risvegliare l'energia kundalini/shakti che si trova "dormiente" alla base della spina dorsale in modo di attivare tutte le qualità possibili dei vari centri e sviluppare talenti e potenzialità specifiche (siddhi) fino a raggiungere il pieno sviluppo del centro della corona che permette l'unione con il cosmo e con il divino.

In altre parole l'essere umano conosce e utilizza solo una piccola parte del suo cervello e del suo corpo, al di là del corpo fisico che appare esistono altre dimensioni dell'essere che possono essere scoperte e sviluppate attraverso pratiche che aumentano la vibrazione energetica e attraverso l'energia risvegliano le possibilità latenti.

I Rishi attraverso l'osservazione di sé stessi, l'esperienza della meditazione e la dedizione alle pratiche hanno scoperto e manifestato la possibilità di evolversi e raggiungere stati e livelli diversi di coscienza di sé e del mondo circostante. Il profondo desiderio di andare oltre ha motivato la loro ricerca verso l'ignoto e l'inconoscibile e li ha condotti verso un profondo amore per la vita e per la fonte della vita stessa. 

Ad ogni chakra sono abbinati diversi simboli: una forma geometrica, una vibrazione luminosa (colore), una vibrazione sonora (bija mantra), un animale, e sono associati agli elementi (terra, acqua, fuoco, aria, etere, luce, pensiero), ai sensi fisici, alle divinità.

CENTRO di CHIROPRATICA "BERGAMO", via Rosolino Pilo n.52, Bergamo